implantologia_a_01

10) Protesi fisse su impianti per sostituire numerosi denti sia della arcata superiore che della arcata inferiore

Caso 1.

Al paziente, anni 53, mancavano quasi tutti i denti della arcata superiore, con conseguente grosso deficit funzionale ed estetico. Pertanto si è provveduto con una soluzione classica per questi casi:
Arcata superiore: soluzione tipo A1, e cioè Protesi fissa in metallo ceramica, ancorata ai denti recuperabili, e agli impianti che sostituiscono i denti assenti.

Arcata inferiore: Protesi fissa in metallo ceramica, ancorata a tutti i denti recuperati.

implantologia_l_001

Foto sopra. Il paziente può conservare solo 3 denti anteriori e un molare posteriore a sinistra, gli altri, e cioè tutti i denti di destra e 3 denti di sinistra, andranno sostituiti da impianti

implantologia_l_002

Foto sopra. I monconi Protesici sono stati avvitati sugli impianti, e il paziente è pronto a ricevere la Protesi fissa in metallo ceramica.

implantologia_l_003

Foto sopra. Il paziente ha ricevuto alla arcata superiore la Protesi fissa in metalloceramica, di 13 elementi appoggiati su 4 denti e su 7 impianti. Si nota come i 3 denti in ceramica di sinistra, cementati sui denti naturali del paziente, abbiano una lunghezza regolare, mentre i denti di destra, cementati sugli impianti, siano più lunghi in quanto gli impianti sono infissi in un osso distrutto verticalmente.

implantologia_l_004

Foto sopra. Prima.

implantologia_l_005

Foto sopra. Dopo. Il sorriso sembra felice!

implantologia_l_006 implantologia_l_007

Foto sopra. Radiografie panoramiche, prima e dopo.

Caso clinico 4

Alla paziente, anni 51, nella arcata superiore residuavano solo 4 denti anteriori, e i1 dente del giudizio sinistra con conseguente grosso deficit funzionale ed estetico.
Non essendoci quantitativo di osso sufficiente sia a destra che a sinistra, si è provveduto alla ricostruzione del tessuto osseo con doppio Grande Rialzo del Pavimento del seno mascellare (vedi a Frequenti domande Parte 2).
6 mesi dopo la ricostruzione del tessuto osseo si è provveduto con la soluzione classica per questi casi soluzione tipo A1, e cioè Protesi fissa in metallo ceramica, ancorata a 3 denti recuperabili, e agli impianti che sostituiscono i denti assenti, per riportare il numero dei denti a 14.

implantologia_l_008

Foto sopra. Il sorriso della paziente

implantologia_l_009

Foto sopra. Dettaglio.

implantologia_l_010

Foto sopra. Nella arcata superiore si vedono 4 denti anteriori residui (uno andrà estratto), un impianto a destra e un molare a sinistra. Si vede anche la gravissima assenza di tessuto osseo sia a destra che a sinistra, che dovrà essere ricostruito per potere inserire gli impianti per supportare le protesi fisse progettate. I segni rossi evidenziano alcune misurazioni su un piano a due dimensioni, i segni bianchi fanno parte di una dima che servirà a individuare le posizioni adatte alla inserzione degli impianti quando verrà effettuata la RX Cone Beam, che evidenzierà poi gli spessori disponibili e quanto tessuto osseo ricostruire.

implantologia_l_011

Foto sopra. Nella arcata superiore si vedono i 3 denti anteriori residui (uno era stato estratto), 4 impianti a destra 3 impianti a sinistra, tutti inseriti nella ricostruzione del tessuto osseo effettuata sia a destra che a sinistra. Si evidenzia anche il notevole rapporto sproporzionato fra la lunghezza degli impianti e la lunghezza necessaria per la protesi dentale, evidente nelle foto successive.

implantologia_l_012

Foto sopra. La lunghezza dei denti posteriori evidenzia chiaramente la gravità del caso e la difficolta della ricostruzione fissa denti/impianti, richiesta dalla dimensione verticale necessaria sia per una corretta funzione, sia dalla estetica. I denti anteriori residui, hanno aiutato in questo caso, indicando all’odontoiatra la pregressa dimensione verticale.

 

implantologia_l_013Foto sopra. La obbligatoria lunghezza dei denti posteriori consente la corretta dimensione verticale, necessaria per una corretta estetica (corretto sostegno delle guance e delle labbra), onde potere mantenere un aspetto giovanile dei tessuti molli appunto, e il non instaurarsi di sgradevoli rughe!

Caso Clinico 4.

La paziente, anni 52, non riesce a masticare , né a sorridere

implantologia_l_014 implantologia_l_015 implantologia_l_016

Fig. sopra. La paziente non crede si possa migliorare l’estetica, il morso inverso, se non estraendo tutti i denti e allestendo una dentiera.

 

implantologia_l_017Fig. sopra. Rimossi i denti compromessi, sono stati inseriti gli impianti.

implantologia_l_018

Fig. sopra. Le protesi fisse ceramo metalliche, dopo tre mesi sono consegnate.

implantologia_l_019

Fig. sopra. Sorriso dopo.

implantologia_l_020

Fig. sopra. Il morso inverso è stato quasi compensato.

implantologia_l_022 implantologia_l_023 implantologia_l_021

Fig. sopra. La paziente può masticare, parlare e sorridere tranquillamente.