IMPLANTOLOGIA
H PROTESI FISSA / REMOVIBILE SU IMPIANTI SUPERIORE ED INFERIORE, OSSO QUASI INSUFFICIENTE

Situazione C1 superiore: il paziente ha perduto tutti i denti della arcata superiore e il tessuto osseo residuo è notevolmente scarso, e
Situazione C1 inferiore: il paziente ha perduto tutti i denti della arcata inferiore e il tessuto osseo residuo è abbastanza scarso.
.48
Caso clinico 1
Maschio anni 72. Il paziente, portatore di Protesi totale, peraltro bene eseguita, decide di passare alla soluzione fissa/removibile e cioè alla Overdenture impianto sostenuta, anno 1995.
                       49 50
Foto 1, sopra a sinistra. La radiografia laterale, con la Protesi totale in bocca, (contenente delle strutture radioopache), fa vedere:
- la distanza in anteroposteriore fra la base ossea superiore, fortemente riassorbita (e cioè arretrata e risalita), dove verranno inseriti gli impianti e la posizione dove andranno montati i denti (e cioè avanti e più bassi dietro al labbro superiore),
- la distanza in anteroposteriore fra la base ossea inferiore, fortemente riassorbita (e cioè arretrata e abbassata), dove verranno inseriti gli impianti e la
posizione dove andranno montati i denti (e cioè avanti e più alti dietro al labbro inferiore),
Foto 2, sopra a destra. La Protesi totale del paziente, tre mesi dopo la inserzione degli impianti, è stata collegata agli impianti nella posizione normale in bocca, per costituire una Protesi provvisoria fissa.
Una volta avvitata sui modelli in gesso derivati dalle impronte degli impianti, si conferma lo sbalzo di circa 14 centimetri fra la emergenza degli impianti e la
superficie anteriore degli incisivi sia superiori che inferiori.
Tale posizione anteriore, dove stavano in effetti i denti del paziente prima di essere estratti, è indispensabile:
1) per potere correttamente sostenere il labbro nel profilo,
2) per la estetica, altrimenti i denti applicati direttamente sugli impianti sarebbero o invisibili, se di lunghezza corretta, o mostruosamente lunghi,
3) per una corretta fonazione (spazio per la lingua).

                 51 52
Foto 3, sopra a sinistra.1996, le due Protesi in bocca. Sono in pratica due Protesi totali, cioè due dentiere, che hanno incorporata una contro fresatura femmina che si bloccherà stabilmente sulla fresatura maschio avvitata sugli impianti. La protesi superiore è stata poi modificata esteticamente come si evidenzia dalla foto successiva. Manca la fotografia del sorriso, e quella delle fresature maschio, che
vedremo nella prossima foto.
Foto 4, sopra a destra. 1999, ad una seduta di igiene orale professionale e di controllo della igiene orale, le due fresature maschio vengono smontate e rilucidate e poi riavvitate sugli impianti.
53
Foto 5, sopra. Dopo 10 anni, 2006, i denti vengono sostituiti, l'estetica modificata, il sorriso del paziente è più estetico. Il tono delle labbra è sostenuto e niente evidenzia la complessa struttura sottostante, che trattiene rigidamente le due protesi, la superiore assolutamente priva di palato, proprio perché la ritenzione è affidata alla struttura fresata, e non ad un meccanismo di suzione come nelle protesi totali, nelle quali necessità assolutamente il suggello del palato posteriore, onde ottenere ritenzione.

            54 55
Foto 6, sopra a sinistra. La radiografia panoramica nel 1995, prima della inserzione degli impianti.
Foto 7, sopra a destra. La radiografia panoramica nel 1996, alla consegna della protesi.

56
Foto 8, sopra. Nell'anno 2006, 10 anni dopo la consegna della Overdenture, la radiografica di controllo evidenzia gli ottimi livelli ossei attorno agli impianti. Si vedono le due strutture metalliche, le fresature maschio e femmina, sovrapposte e non distinguibili pertanto l'una dall'altra.

Per Protesi removibili (dal paziente),

altrimenti incorrettamente chiamate Protesi mobili!

si intendono:

  1. La Protesi totale (o Dentiera),

necessaria quando, essendo stati estratti tutti i denti, il paziente resta edentulo (come un neonato!)

 

Foto sopra: Protesi totale superiore ed inferiore

 

Se invece residuano alcuni denti in bocca, avremo tre possibilità:

  1. La Protesi parziale con ganci a filo .

E’ una protesi in resina rosa, inglobante i denti da sostituire, che trova una ritenzione nei denti residui mediante semplici ganci a filo in acciaio. Ha una funzione esclusivamente provvisoria.

Foto sopra: Protesi parziale con ganci a filo

 

  1. La Protesi scheletrata semplice. E’ una protesi in resina rosa, inglobante i denti da sostituire, rinforzata da una armatura in oro o in acciaio chirurgico, che trova una ritenzione nei denti residui mediante ganci fusi non estetici (appunto in oro o in acciaio), che fanno ritenzione sui denti naturali residui del paziente.

 

Foto sopra: Protesi scheletrata superiore ed inferiore

 

D) La Protesi scheletrata estetica, o combinata.

E’ una protesi in resina rosa, inglobante i denti da sostituire, rinforzata da una armatura in oro o in acciaio chirurgico, che trova una ritenzione nei denti residui mediante attacchi di precisione non visibili (estetici). Questi attacchi sono costituiti da una componente femmina, inglobata nelle Protesi removibile che fa ritenzione sulla componente maschio incorporata nella Protesi fissa, cementata sui denti residui previamente protesizzati. Il complesso delle due suddette protesi viene a costituire la Protesi combinata fisso / removibile (vedi anche a Terapie: Protesi fissa)

 

 

Foto sopra: Protesi scheletrata estetica superiore ed inferiore

(solo 5 denti naturali residui nella mascella e

solo 2 denti naturali residui nella mandibola, residui in bocca)

 

Protesi fissa

Ortodonzia

Conservativa

Endodonzia

Parodontologia

Gnatologia

Traumatologia