Prevenzione

Prevenzione della Carie, della Parodontite, e delle altre malattie della bocca.

prevenzione
La prevenzione deve essere una consuetudine sin da bambini !

A partire già dai due anni la prevenzione deve essere una consuetudine.

Argomenti Trattati nei PDF allegati a Prevenzione:

  1. In PDF 1. Denti di latte e denti definitivi, come s’indicano e quando erompono?
  2. In PDF 2. Anatomia della bocca, di un dente sano, le più frequenti malattie (minori, paragonando al contenuto di PDF 13) della bocca: carie, gengivite, parodontite, incrinatura, frattura, usura.
  3. In PDF 3. Microrganismi della Placca Batterica Dentale (PBD), com’è strutturata e come la vediamo al microscopio. Il tartaro.
  4. In PDF 4. Prevenzione della formazione della PBD: importanza ma anche pericolosità degli zuccheri, le sigillature dei denti, la saliva, la bocca secca.
  5. In PDF 5. Cos’è la Carie, come la vediamo al microscopio, autodiagnosi e diagnosi precoce dal dentista: radiografie Bite Wing.
  6. In PDF 6a. a. Cosa è la Gengivite
    In PDF 6b. b. Cosa è la Parodontite (cause e classificazioni)
    In PDF 6c. c. Cosa è la Parodontite (diagnosi)
  7. In PDF 7. La prima visita dal dentista, in cosa consiste: anamnesi, colloquio, screening radiografico, decisione delle priorità d’intervento (dolore, funzionalità masticatoria, estetica provvisoria immediata), ispezione delle mucose per la prevenzione delle malattie più o meno importanti (cancro incluso), piano di cura immediato (se semplice).
  8. In PDF7 bis. Importanza delle radiografie dal dentista.
  9. In PDF 8. Pulizia dei denti (spazzolino, filo, scovolino) a casa, e al lavoro, ovvero Igiene Orale Meccanica Quotidiana (IOMQ).
  10. In PDF 9. Pulizia dei denti allo studio, ovvero Igiene Orale Meccanica Periodica Professionale, (IOMPP).
  11. In PDF 10. Importanza di dentifrici, collutori, gels, ovvero Igiene Orale Chimica (IOC).
  12. In PDF 11. Ipersensibilità dentale nel dente sano (parafisiologica). Ipersensibilità patologica (carie, frattura, usura dentale).
  13. In PDF 12. Alito pesante: alitosi.
  14. In PDF 13. Altre meno frequenti patologie delle mucose della bocca (afte, herpes), altre più importanti, talora gravissime malattie della bocca (leucoplachie, cancro della bocca).
  15. In PDF 14. Importanza delle procedure d’igiene e sterilizzazione allo studio, per la prevenzione del contagio tra pazienti (epatite etc.)
  16. In PDF 15. Importanza di una buona attrezzatura medica per intervenire in caso di malori del paziente.
  17. In PDF 16. Trattamento sicuro del paziente nell’era del Coronavirus 19

Possiamo distinguere la Prevenzione in tre fasi:
1) primaria, 2) secondaria 3) terziaria.

1) Prevenzione primaria.

Consiste nella prevenzione delle malattie del cavo orale ed essenzialmente della Carie, della Gengivite e della Parodontite, (mediante il controllo della formazione della Placca Batterica Dentale e del Tartaro), l’intercettazione precoce delle stesse mediante le procedure di Igiene, e le radiografie di controllo, e l’intercettazione precoce delle malattie delle mucose e della lingua possibilmente prima che possano aggravarsi, mediante:

  1. l’Igiene Orale Meccanica Quotidiana (IOMQ), cioè lo spazzolamento dei denti, l’uso del filo interdentale e dello scovolino, a casa, al lavoro etc. vedi PDF 8
  2. l’Igiene Orale Meccanica Periodica Professionale (IOMPP), cioè la periodica seduta di Profilassi/ Igiene Orale nel corso della quale viene eseguito anche il Check up della bocca, (ispezione e palpazione delle mucose allo studio, PDF 9 e PDF 13),
  3. l’Igiene Orale Chimica (IOC), cioè l’uso di collutori, gels anti Placca Batterica Dentale e dentifrici, a casa, al lavoro etc. vedi PDF 10
  4. la corretta igiene alimentare, vedi PDF 4
  5. l’eliminazione di agenti chimici, fisici, microbiologici potenziali cause di malattie della bocca,
  6. la sigillatura delle superfici masticatorie dei denti, vedi PDF 4
  7. Il corretto allineamento dei denti, vedi PDF 4
  8. la vaccinazione 9 valente per l’infezione HPV, responsabile non solo dei tumori genitali femminili, ma anche dei tumori della lingua e della gola (sia per le femminucce chiaramente, che per i maschietti)

40 anni di corretta Prevenzione primaria, e cioè:

–  precisione alle sedute di Igiene Orale Meccanica Periodica Professionale allo studio, (Profilassi e check-up),
– uso corretto di spazzolino, filo e scovolino, a casa, al lavoro etc.
– attenzione ad una dieta povera di zuccheri, a casa, al lavoro etc
– poco alcool
– niente fumo !!!
hanno fatto si che la paziente non ha avuto né carie, né gengivite, né tantomeno parodontite né patologie delle mucose (anche la buona sorte ha aiutato!).

La buona riuscita della Prevenzione primaria dipende essenzialmente dalla Prima visita (vedi PDF 7), e dalla precocità dell’inizio delle procedure di Igiene Orale raccomandate (Igiene Orale Meccanica Quotidiana, Igiene Orale Meccanica Periodica Professionale, Igiene Orale Chimica, corretta Igiene Alimentare, sigillature, vedi vedi PDF 4,8,9,10.

Due parole su l’ispezione e palpazione delle mucose orali e della lingua sia nella prima visita che in tutte le semestrali sedute di igiene orale effettuate dall’Igienista (il Check up).
La prevenzione delle fasi iniziali del tumore della bocca e della gola è sicuramente la più importante componente della prima visita del dentista!!! (vedi PDF 7 e PDF 13).
Nessun medico di base ha a disposizione fibre ottiche e lenti di ingrandimento!!
Solo il medico specialista otorinolaringoiatra ha questa possibilità, ma il paziente non viene certo visitato ogni sei (6) mesi!!!!!!

2) Prevenzione secondaria.

Intercettazione precoce nel corso delle periodiche sedute di Profilassi Professionale di check – up / allo studio, delle patologie comunque insorte, (nei pazienti predisposti alla malattia cariosa, alla gengivite e alla parodontite, oppure che non effettuino una perfetta Prevenzione primaria),
impedendone l’aggravamento mediante terapie minimali ma importantissime, ai primissimi momenti d’insorgenza evidente o meno, e cioè:

  • per le carie (effettuando otturazioni/ricostruzioni piccolissime e soprattutto provvedendo al loro mantenimento),
  • per gengivite e parodontite iniziale (effettuando le periodiche sedute di Profilassi, cioè di IOMPP),e rimotivando e reinsegnando le tecniche di Igiene Orale Meccanica Quotidiana,
  • per le patologie delle mucose (ispezione della bocca, diagnosi precisa ed eventualmente biopsia)
  • per problematiche ortodontiche funzionali/estetiche con l’ortodonzia intercettiva in giovanissima età.

Esempi di prevenzione secondaria.

Caso 1.

Prima: carie, fratture e spazi su tutti i denti visibili in un sorriso.

Dopo: la paziente ha ricevuto degli estetici restauri in resina composita, senza incapsulare i denti in tempi brevissimi (due giorni) con costi quindi limitati.

Dopo 12 anni, la situazione non è variata grazie alla (Igiene Orale Meccanica Periodica Professionale), cioè mantenimento effettuato semestralmente .

Caso 2.

Prima: un dente fratturato, e necrotico (scuro). Dopo: il dente è stato sbiancato e ricostruito con resina composita.

Caso 3.

Prima: denti con piccole carie. Dopo: i denti sono stati ricostruiti con resina composita. La carie piccola non diventerà profonda e devitalizzazione o estrazione saranno scongiurate

La buona riuscita della Prevenzione secondaria dipende dalla corretta esecuzione delle terapie minimali necessarie, e nel loro mantenimento vedi a Prevenzione:
Gengivite
PDF 6a, Parodontite vedi PDF 6b, PDF 6c e a Terapie: Conservativa, Ortodonzia, Chirurgia orale, (Gnatologia).

3) Prevenzione terziaria.

Consiste nella riabilitazione funzionale / estetica (e quindi si tratta di terapie complesse) e nel loro mantenimento, come:

  • riabilitazione della funzione masticatoria-estetica mediante sostituzione con protesi, fisse possibilmente, dei denti che sono stati estratti.
  • riabilitazione di parte del complesso maxillo faciale, andata distrutta per un trauma (incidente stradale), o per rimozione chirurgica di un tumore.

Un esempio di ottima Prevenzione terziaria.

Sopra. La riabilitazione protesica fissa in metallo-ceramica anteriormente e removibile con denti in resina posteriormente, eseguita nel  1979, (sono state smarrite le diapositive analogiche iniziali ).
Oggi, febbraio 2018, a distanza di 39 anni, la protesi si presenta in condizioni funzionali ed estetiche ottimali.
La perfetta manutenzione nel tempo è dovuta alla:

  • perfetta Igiene Orale Meccanica Quotidiana (IOMQ), vedi in PDF8
  • perfetta Igiene Orale Meccanica Periodica Professionale, vedi in PDF9 (IOMPP), eseguita dall’Igienista allo studio,
  • procedure odontoiatriche protesiche cliniche e odontotecniche rispettanti i tessuti osseo gengivali eseguite nel 1979 adottate dal nostro studio,
  • l’uso del bite

In Terapie si apriranno tra l’altro i seguenti argomenti.

A Estetica si parlerà di:
Terapie  conservative (estetiche con semplici e bellissime ricostruzioni immediate alla poltrona con resine composite, sbiancamenti)

Terapie protesiche (estetiche faccette, corone in ceramica su zirconio, in vetrodisilicato)

Terapie chirurgiche (chirurgia per conferire estetiche proporzioni  corrette a denti tozzi perché affogati in una gengiva esuberante, oppure troppo lunghi)

Terapie ortodontiche (per avere un estetico allineamento dei denti che favorirà la facile igiene orale)

Terapie di recupero di denti fratturati o cariati sottogengiva al fine di ripristinare comunque un’Estetica fissa,


A Endodonzia si parlerà di:

trattamento endodontico (devitalizzazione) della radice di un dente malato di pulpite oppure del trattamento endodontico, della radice con polpa necrotica (prevenzione e cura del granuloma). Granuloma non significa estrazione!

 

A Implantologia si parlerà:

di soluzioni protesiche fisse e soluzioni protesiche removibili, grazie agli impianti, se è meglio un ponte o un impianto.

 

A Ortodonzia si parlerà:

di ortodonzia classica, ma anche di Invisalign.


A Chirurgia orale si parlerà di:

dell’estrazione del dente del giudizio, come si studia il caso radiograficamente per agire speditamente e in sicurezza grazie alle moderne tecnologie radiologiche. Controllo del dolore.


A Gnatologia si parlerà di:

di bruxismo, di dolori faciali, del bite.

 

In Conservativa si parlerà:
della terapia conservativa delle distruzioni cariose.

 

A Parodontologia, oltre che qui sopra a PDF6, si parlerà di:
terapia della gengivite e della parodontite